Giornata promettente

“E lavatemi! E pettinatemi!”, reclamò la donna dal suo letto.
“No, signora! Non ha sentito cos’ha detto il dottore? Deve fare da sola”, rispose con calma la caposala.
“E ora come…? Io non posso fare da sola!”, insistette l’altra mantenendo la sua posa da mantide supina.
“Certo che può. Deve solo usare le mani!”.
D’istinto, la donna abbassò gli occhi per guardarle. Parevano due pinze in disuso dimenticate appese a due braccia ripiegate contro il petto. “Ma come faccio? Non posso alzare le braccia, sono piena di dolori!”, si lamentò.
“Fra un paio di giorni tornerà a casa, se non comincia a darsi da fare ora, quando si ritroverà da sola troverà tutto più difficile!”
“Ma io…”, tentò di replicare, ma le parole si persero nell’aria perché, all’improvviso, nella stanza non c’era più nessuno.

Si girò verso la finestra attirata dal grugare di due piccioni intenti a contendersi un primo raggio di sole. Anche se la pioggia era cessata da un po’, solo ora le nubi si ritiravano lasciando il posto al cielo azzurro e ad una giornata promettente.

“Ancora lì sei?”, le chiese con stupore la vicina di letto, di ritorno dal bagno. “Fra un po’ passano i medici e non ti sei ancora lavata!”
“L’infermiera non ha voluto aiutarmi!”
“Perché, da sola non sei capace?”
“Non ce la faccio! Mi fanno male le braccia!”
La vicina guardò il soffitto per evitare lo sguardo implorante della donna che continuava a tenere la sua postura. Poi, si diresse verso la finestra. I piccioni volarono via.

“Siete pronte per la visita?”. Il tono vivace di una giovane infermiera irruppe gioioso nel silenzio della stanza.
“Io sì!” disse fiera la signora in piedi vicino alla finestra. “É lei che non si è ancora lavata!” e indicò stizzita la donna ancora a letto.
“E lavatemi! E pettinatemi!”, riattaccò questa con voce tremula.
“Non ce la fa a lavarsi da sola?”, le chiese con premura la giovane.
“No, mi fanno male le braccia”.
“Stia tranquilla. Non si preoccupi. L’aiuto io”.

La donna guardò la vicina che scuoteva la testa e sospirò sorridendo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...